3 Modi creativi per utilizzare le azioni dei parametri Tableau

Questo contenuto è tratto dal mio libro, Innovative Tableau: 100 Altri suggerimenti, tutorial e strategie, pubblicato da O’Reilly Media Inc., 2020, ISBN: 978-1492075653. Prendi il libro su Amazon.

Ho sempre descritto i parametri Tableau come un coltellino svizzero per le loro infinite applicazioni. Nel caso in cui non si abbia familiarità, i parametri Tableau sono valori generati dall’utente che consentono a te e al tuo pubblico di scegliere gli input dei campi calcolati. Tu, come autore, codifica i valori consentiti una volta, ma poi spetta all’utente quale valore è selezionato.

Questo sblocca un livello più elevato di flessibilità in Tableau che consente agli utenti di manipolare le analisi al volo utilizzando un “controllo dei parametri” per modificare i valori che popolano i campi calcolati. Con il recente rilascio di Tableau Desktop versione 2019.2, c’è una nuova azione dashboard “Cambia parametro”, che rende la possibilità di modificare i valori dei parametri ancora più semplice. Questo post ti mostrerà come utilizzare le azioni del dashboard dei parametri e tre applicazioni per migliorare l’esperienza degli utenti.

Video tutorial correlati:

Premier Tableau eLearning da Playfair Data TV

Come utilizzare le azioni Dashboard dei parametri Tableau

Se i parametri e/o le azioni dashboard sono nuovi per te, ti consiglio di rivedere i post correlati, Un’introduzione ai parametri in Tableau e pratico Tableau: 3 modi creativi per utilizzare le azioni Dashboard.

Come menzionato nell’introduzione, i parametri sono valori utilizzati all’interno di campi calcolati che possono essere controllati da un utente del dashboard. Tu, come sviluppatore del dashboard, puoi mettere alcuni “parametri” attorno a quali possono essere quei valori, ma da quel momento in poi l’utente finale può decidere quale valore popola un campo calcolato.

Per un esempio introduttivo, useremo un andamento delle vendite per mese nel set di dati Sample – Superstore per mostrare come facendo clic su di esso sovrascriverà il valore corrente di un parametro.

Per creare un parametro, mi piace fare clic destro in qualsiasi spazio vuoto nel riquadro Dati e fare clic su “Crea parametro…”. È inoltre possibile fare clic sulla freccia verso il basso nell’angolo in alto a destra dell’area Dimensioni del riquadro Dati e fare clic su “Crea parametro…”. Ecco come appare se dovessi creare un nuovo parametro nel set di dati Sample – Superstore.

Per illustrare come utilizzare il nuovo tipo di azione dashboard, verrà impostato un parametro con un tipo di dati di Float e valori consentiti di Tutti.

Queste impostazioni significano che questo parametro può essere popolato con qualsiasi numero, compresi quelli con decimali. Successivamente, imposterò un semplice foglio con un tipo di segno di testo per mostrarti il valore corrente del nuovo parametro.

Si noti che ho anche cambiato il formato del numero visualizzato in Valuta (Standard) che ha un simbolo del dollaro e due cifre decimali per corrispondere al formato dei numeri nel passaggio successivo. Poiché il valore predefinito, il valore corrente del parametro Azioni Esempio parametro è 1, vediamo un risultato di $1.00 visualizzato.

Successivamente, configurerò un grafico a linee che esamina la misura delle vendite nei dati di esempio per mese continuo della data dell’ordine e posizionerò entrambi i fogli su un cruscotto insieme.

Per aggiungere un’azione parametro, fare clic su ” Dashboard “nella parte superiore di navigazione e poi”Azioni…”. Dopo aver fatto clic sul pulsante “Aggiungi azione”, vedrai sei opzioni tra cui la nuova azione dashboard” Cambia parametro…”.

Nella finestra di dialogo visualizzata dopo aver fatto clic su Modifica parametro, è possibile controllare le impostazioni come il foglio di origine dell’azione, quando si desidera che venga eseguito, quale parametro viene sovrascritto e in base a quale valore. In questo esempio, diciamo che facendo clic sul grafico a linee sovrascriverà il valore di vendita nel parametro Azioni Parametro di esempio.

Ora facendo clic su qualsiasi valore di vendita nel grafico a linee cambia il valore visualizzato sul valore corrente del foglio dei parametri.

Dal momento che abbiamo impostato un’azione Cambia parametro dashboard, facendo clic su un valore all’interno del grafico a linee sta sovrascrivendo il valore corrente del parametro Azioni esempio parametro, che sta alimentando il valore corrente del foglio di testo parametro.

In questo momento, non si ha la possibilità di impostare cosa fare quando si cancella un’azione di parametro, ma quando il tipo di dati è Float come questo primo esempio, è possibile eseguire una selezione multipla. Dal momento che l’aggregazione della nostra azione parametro è SOMMA, cliccando su più di un punto dati li aggiungerà insieme.

Utilizzo delle azioni dei parametri per evidenziare le selezioni in una visualizzazione

Una delle mie esperienze utente preferite da fornire è un menu a discesa che consente al pubblico di scegliere il membro della dimensione più rilevante per loro. Ho quindi evidenziare la loro selezione su tutti i grafici in tutta la dashboard. È come una buona mappa che include un adesivo “Tu sei qui” per aiutare lo spettatore ad orientarsi nel contesto del resto della visuale.

La tattica è ottenuta attraverso l’uso di parametri e una formula booleana che identifica quale membro della dimensione corrisponde al valore del parametro e quali no. Per ulteriori informazioni, vedere Come evidenziare un membro della dimensione su un grafico a punti minimalista.

Prima delle azioni dei parametri, dovrei visualizzare un controllo dei parametri per consentire all’utente di selezionare il membro della dimensione da evidenziare. Non è un’esperienza terribile, ma un altro menu a discesa che occupa preziosi immobili su un cruscotto. Questo è stato il caso del mio dashboard, Super Sample Superstore, in cui l’utente può scegliere quale regione evidenziare.

Si noti che il parametro Region ha un tipo di dati di stringa e c’è un valore ammissibile per ciascuna delle quattro regioni nel set di dati Sample – Superstore. Questa selezione evidenzia il membro della dimensione nella mappa e nei grafici a punti e filtra tutte le altre immagini per quel membro specifico della dimensione. Questa esperienza può essere resa molto più elegante ora usando le azioni dei parametri.

Ogni volta che un foglio contiene gli stessi membri di dimensione dei valori consentiti di un parametro, è possibile utilizzare il foglio come foglio di controllo che sovrascrive il parametro influenzando altre viste. Grazie a questa nuova funzionalità, è possibile creare fogli di controllo letterali che non sono altro che una tabella di testo contenente i membri della dimensione che si desidera sovrascrivere il valore di un parametro.

È inoltre possibile utilizzare altre visualizzazioni come fogli di controllo. Poiché ogni mappa sul dashboard Super Sample Superstore contiene la dimensione della regione, posso utilizzare le mappe in alto per sovrascrivere il valore del parametro che viene utilizzato per evidenziare e filtrare le altre viste. Se il foglio di controllo non contiene i membri della dimensione nei valori consentiti del parametro, è sufficiente aggiungere la dimensione alla scheda dei segni di dettaglio dei fogli di controllo.

Ecco come le mie impostazioni di azione Cambia parametro dashboard sembrano usare le mie mappe in alto come i miei fogli di controllo.

Ora semplicemente facendo clic su uno stato sulla mappa popolerà il valore del parametro con la regione in cui si trova lo stato. Il parametro viene quindi utilizzato per filtrare ed evidenziare tutte le altre viste. Ecco come appare dopo aver cambiato il focus della dashboard da est a centrale facendo clic in qualsiasi punto della mappa della regione centrale.

Si noti che in questo esempio, sto usando i parametri per filtrare le viste, ma il filtraggio potrebbe anche essere eseguito utilizzando le tradizionali azioni del dashboard del filtro. Tuttavia, l’esperienza utente di evidenziazione è diversa. Questa non è come un’azione di dashboard di evidenziazione che fa risaltare un membro di dimensione specifico mentre tutto il resto è sbiadito.

Stiamo sovrascrivendo il valore consentito nel parametro Regione. C’è quindi un campo calcolato con la formula “Region = Region Parameter” posizionata sulla scheda dei segni di colore di tutti i grafici a punti. Ogni volta che il membro della dimensione regione corrisponde al valore consentito selezionato nel parametro Regione, viene classificato come True e ottiene un colore univoco; tutto il resto è classificato come False e ottiene un colore secondario. Quindi due colori diversi invece di un punto culminante; una sorta di esperienza utente evidenziatore più permanente.

► Video correlato: Come evidenziare un membro della dimensione in Tableau

Un’ultima nota su questo suggerimento. Sfortunatamente, quando il tipo di dati del parametro è String, non possiamo fare una selezione multipla come abbiamo fatto nell’esempio introduttivo sopra. Tableau rimanderà sempre all’ultima selezione quando si sceglie quale membro della dimensione viene utilizzato per sovrascrivere il valore corrente del parametro. Suppongo che la selezione multipla, i parametri della stringa dovranno attendere una versione futura!

Se è necessario selezionare più di un membro della dimensione, è preferibile utilizzare set actions. C’è un esempio nel video gratuito a figura intera, Un’introduzione alle azioni Dashboard, su Playfair Data TV.

Utilizzo delle azioni dei parametri per modificare le parti di data con il clic di un pulsante

È inoltre possibile creare fogli di controllo anche quando il set di dati non contiene una dimensione con membri di dimensione che corrispondono ai valori consentiti del parametro che si desidera utilizzare per creare azioni dashboard dei parametri.

I parametri sono unici in quanto funzionano su più connessioni dati all’interno della stessa cartella di lavoro.

Ciò significa che posso creare un foglio di controllo in Excel contenente i membri della dimensione che sovrascriveranno il valore di un parametro, connettersi a quel foglio Excel come origine dati secondaria, utilizzarlo per creare un foglio di controllo e impostare un’azione parametro che funziona tra il foglio di controllo appena creato e gli altri fogli di lavoro nella cartella di

Ecco un esempio del motivo per cui è necessario passare attraverso il passaggio aggiuntivo di creazione di un foglio di controllo da un’origine dati secondaria. Un’altra delle mie esperienze utente preferite è quella di fornire un mezzo per il pubblico per alternare la parte della data di un grafico a linee dal giorno, alla settimana, al mese, all’anno.

Tuttavia, non esiste una dimensione che posso semplicemente aggiungere alla scheda dei segni di testo per creare un foglio di controllo con le diverse parti della data. Per rendere le cose più difficili, le parti di data devono essere minuscole per funzionare con determinate funzioni di data come DATETRUNC.

► Video correlato: Come utilizzare le azioni dei parametri per modificare le parti della data in Tableau

Se non si ha familiarità con questa tattica, è necessario un parametro con un tipo di dati di stringa e i valori consentiti sono ciascuna delle quattro parti della data. La cosa importante è rendere i valori minuscoli in modo che funzionino quando integrati con il secondo passaggio. Il display Come valori può avere qualsiasi involucro si preferisce.

Il passo successivo consiste nell’impostare un campo calcolato che tronca la data nel set di dati a qualsiasi livello sia selezionato nel parametro. La formula per il campo Data ordine nel set di dati Sample – Superstore è:

DATETRUNC(,)

Ora se sostituisco la dimensione della data dell’ordine nel mio grafico a linee dall’esempio introduttivo in questo post con la data appena creata con il campo calcolato DATETRUNC, l’utente può controllare la granularità della data tramite il parametro di esempio della parte Data. Ad esempio, se scelgo la parte Data anno dal controllo dei parametri, il grafico a linee verrà aggiornato dalle vendite per mese alle vendite per anno.

Proprio come il nostro esempio evidenziatore nel primo suggerimento, questa esperienza può ora essere migliorata con le azioni dei parametri e un foglio di controllo.

Innanzitutto, impostare un foglio di calcolo Excel a due colonne che verrà utilizzato per creare il foglio di controllo in Tableau.

Quindi, connettersi all’origine dati e creare un foglio di controllo.

L’aspetto critico dei fogli di controllo è che la dimensione contenente i membri della dimensione che sovrascriveranno il parametro deve esistere da qualche parte nella vista. In questo esempio, ho usato il campo Display As per rendere i miei pulsanti più belli, ma ho posizionato il campo Valore sulla scheda dei segni di dettaglio in modo che fosse disponibile come opzione quando ho impostato la mia azione dei parametri in seguito.

Ora posizionerò questo foglio di controllo sulla stessa dashboard del mio grafico a linee e configurerò un’azione Cambia parametro dashboard che controllerà la selezione della parte della data.

Ora semplicemente facendo clic su un pulsante sul foglio di controllo sovrascriverà la parte data nel campo calcolato che controlla il troncamento del grafico a linee. Ecco come appare dopo aver fatto clic sul pulsante W per modificare la parte della data di anno in settimana.

Utilizzo delle azioni dei parametri per utilizzare i nomi delle misure nei campi calcolati

Un’altra delle mie tattiche preferite è quella di consentire ai miei utenti di scegliere quali misure vengono visualizzate in un grafico. Ancora una volta, questa tattica è ora ancora migliore perché è possibile impostare un’azione parametro che cambia la misura visualizzata semplicemente facendo clic su un membro quota su un foglio di controllo.

Innanzitutto, impostare un parametro contenente i nomi delle misure da selezionare. Ecco un parametro costruito con tutte le misure fornite con il set di dati Sample – Superstore.

Quindi, impostare un campo calcolato che fornisce istruzioni Tableau su cosa visualizzare quando viene selezionato ogni valore del parametro.

Ora crea un grafico usando la misura calcolata appena creata. Per illustrare, sostituirò semplicemente la misura di vendita nel grafico a linee che ho usato nei primi esempi con il nuovo campo calcolato controllato dal parametro Select Measure Example. Se scelgo Profitto anziché Vendite nel controllo dei parametri, il grafico a linee viene aggiornato per visualizzare la misura selezionata.

Questa volta per il foglio di controllo, userò lo speciale campo generato “Nomi di misura”. I nomi delle misure devono essere utilizzati con la sua controparte, Measure Values. Non voglio che nessun valore venga visualizzato sul mio foglio di controllo, ma posso aggiungere il campo alla scheda dei segni di dettaglio per far apparire i nomi delle misure.

Se ci sono nomi di misura che non si desidera far parte del foglio di controllo, è sufficiente rimuoverli dallo scaffale dei valori di misura. Ho rimosso il numero di record e misurato i campi selezionati che hanno creato un filtro sullo scaffale dei filtri.

Ora siamo pronti per aggiungere questo foglio di controllo alla dashboard e impostare l’azione dei parametri.

Ora facendo clic su un nome di misura dal foglio di controllo sovrascriverà il valore nel parametro, che popola il campo calcolato che indica Tableau quale misura visualizzare sul grafico. Ecco come appare la vista dopo aver fatto clic sulla misura di vendita e sulla parte della data del mese.

Proprio così-abbiamo appena tecnicamente utilizzato i nomi delle misure generati campo all’interno di un campo calcolato! Questa era una delle poche cose che era impossibile in Tableau prima dell’aggiunta delle azioni dei parametri.

► Video correlato: Come usare i nomi delle misure nei campi calcolati Tableau

Ti ho mostrato solo le basi nude di quali sono le azioni dei parametri e come usarle per implementare tre delle mie tattiche preferite, ma ci sono così tanti modi per costruire da qui.

Una delle mie idee preferite è usare questi esempi in combinazione con lo scambio di pulsanti per controllare i valori dei parametri. I fogli di controllo sarebbero una serie di icone anziché di testo e lo scambio di pulsanti consentirebbe di indicare visivamente su quale pulsante è stato fatto clic.

Queste sono possibilità molto interessanti mentre Tableau continua ad avvicinarsi sempre di più a un’esperienza infinitamente flessibile, simile al web.

Grazie per la lettura,
– Ryan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.