Valutazione del dolore nei bovini da latte

Il dolore compromette il benessere degli animali. Un prerequisito per essere in grado di alleviare il dolore è che siamo in grado di riconoscerlo. Sono stati studiati potenziali segni comportamentali di dolore per i bovini da latte con l’obiettivo di costruire una scala del dolore da utilizzare in condizioni di produzione. Sono state selezionate quarantatré mucche e sono stati valutati quindici comportamenti diversi, successivamente è stato eseguito un esame clinico per assegnare le mucche a un gruppo di dolore e non dolore. Gli animali sono stati quindi trattati con un analgesico o un placebo e dopo un periodo di riposo le mucche sono state ri-segnate da due osservatori accecati al trattamento. Sei comportamenti sono risultati significativamente diversi tra il gruppo del dolore e quello del non dolore e abbastanza robusti da essere inclusi nella scala del dolore: “attenzione verso l’ambiente circostante “”posizione della testa”, “posizione delle orecchie”, “espressioni facciali”, “risposta all’approccio” e “posizione posteriore” (anche una settima, piloerezione, era significativa ma sembrava difficile da usare in quanto cambiava rapidamente; p < 0,05 per tutte le misure). La scala del dolore della mucca è la somma del punteggio per i comportamenti di cui sopra. Per ogni singolo animale prima e dopo il trattamento, era significativamente più basso dopo il trattamento analgesico (p = 0,003) nel gruppo ClinPain ma non dopo il trattamento con placebo (p = 0,06); il punteggio del dolore non differiva significativamente prima rispetto a dopo il trattamento con analgesico o placebo per il gruppo non doloroso (p = 0,2; p = 0,1). Un secondo studio è stato condotto per convalidare ulteriormente la scala del dolore della mucca. Le mucche di due mandrie sono state selezionate casualmente (n = 119) e il loro comportamento è stato valutato da due osservatori. Successivamente le mucche sono state esaminate clinicamente e assegnate a un gruppo di dolore e non dolore (n = 96, 23 mucche sono state escluse a causa di un esame incompleto). Le mucche del gruppo del dolore hanno ottenuto un punteggio più alto sulla scala del dolore della mucca rispetto al gruppo non doloroso sia per l’osservatore I (p < 0,0001) che per l’osservatore II (p = 0,0001). Per i due osservatori la sensibilità della scala del dolore della mucca è stata calcolata a 0,61 / 0,75 e la specificità a 0,75/0,75 con un Kappa ponderato di 0,62. In conclusione, la scala del dolore della mucca può essere applicata per la valutazione del dolore nei bovini da latte in condizioni di produzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.